Il Mar Morto, compreso tra Giordania e Israele, fa parte della Great Rift Valley. Il suo nome deriva dal fatto che l’acqua è troppo salata per ospitare vita marina. Conosciuto a livello globale per essere il punto più basso del mondo, a 415 metri sotto il livello del mare, è una destinazione che richiama migliaia di curiosi ogni anno. L’ipersalinità dell’acqua che lambisce le coste del lago ha una percentuale superiore al 30%: per questo motivo, il territorio circostante è noto per la sua inospitalità e per la mancanza totale di flora e di fauna.

Bernard Gagnon / CC BY-SA

I viaggiatori interessati a un bagno nelle sue acque ferme e lisce come l’olio, però, possono trascorrere un momento davvero indimenticabile in virtù dello strano fenomeno che viene percepito dal corpo umano. Non sarà necessario nuotare per tenersi a galla: l’immersione nel Mar Morto – a causa della concentrazione salina – spinge il peso della materia verso la superficie in maniera spontanea, dando l’idea che si stia fluttuando nell’acqua. Non c’è modo di contrastare il curioso flusso che sfida la legge di gravità, così come non è raro trovare in internet alcuni scatti che sembrano appena usciti da una lunga sessione di ritocco fotografico!

La location, in arabo al-Bahir al-Mayyit, è costituita da una bacino nella parte settentrionale della Valle del Giordano e da una laguna più a sud le cui dimensioni sono certamente inferiori e più circoscritte.

Lungo circa 90 chilometri e largo poco meno di 20, il lago non ha sbocchi ed è noto in tutto il mondo per i fanghi che ne lambiscono le coste rocciose. Si ritiene che il limo abbia proprietà terapeutiche e medicinali in virtù dell’alta concentrazione mineraria contenuta al suo interno. Non è raro che i visitatori decidano di trascorrere del tempo coprendo il proprio corpo con impacchi benefici.

Sono molte le strutture ricettive collocate ai margini della location che offrono tutto il materiale per immersioni indimenticabili o per sessioni rilassanti. Qui, il benessere dell’individuo è sapientemente mescolato alla carica storica e culturale del Mar Morto. I pernottamenti permettono di godere di una vista davvero unica e di un accesso privilegiato alle spiagge.

Pete / CC BY-SA

Anche se il Mar Morto non è destinato a scomparire del tutto nel corso dei secoli, l’evaporazione costante a cui le sue acque sono sottoposte ha costretto il governo locale a creare una fitta rete di cunicoli e canali dialoganti con il vicino Mar Rosso al fine di ricostituire il livello del lago. Il motivo? Non solo il Mar Morto è un importante punto turistico – fra i più apprezzati di tutta la Giordania – ma e anche un bacino di inestimabile valore per offrire servizi e soluzioni elettriche alle cittadine confinanti.

Il clima del Mar Morto varia molto a seconda del periodo dell’anno in cui si decide di visitarlo. Il consiglio è quello di raggiungere la location nel corso della bassa stagione. Trattandosi di una conformazione territoriale collocata al di sotto del livello del mare, infatti, il rischio è quello di incappare in temperature estive e primaverili eccessivamente calde (30-40 gradi percepiti dal corpo umano.)

Anche quando l’inverno di Amman gela la Capitale giordana, il Mar Morto è isolato dalla bassa quota e dall’atmosfera particolarmente “depressiva” che rende la luce solare debole e fioca. La mancanza di contatto diretto con i raggi solari è un valore aggiunto alla permanenza nella location: la foschia sempre presente riesce a filtrare i raggi UVB dannosi per l’organismo, così da garantire un’abbronzatura senza scottature. n ogni caso, il è ugualmente necessario munirsi di apposite creme solari per evitare problemi dermatologici alle pelli più sensibili.

Tra le spiagge più apprezzate ogni anno dai visitatori, è bene ricordare:

  • Amman Beach: con 20 JOD è possibile accedere alla spiaggia, alla piscina, agli spogliatoi e agli armadietti in cui riporre i propri oggetti personali. Non solo c’è disponibilità di noleggiare asciugamani e attrezzatura in loco, ma – con soli 3 JOD aggiuntivi – è acquistabile una sessione di fanghi provenienti direttamente dal limo locale.
  • O Beach: 25 JOD comprendono l’accesso alla spiaggia attrezzata e ai fanghi benefici tradizionali. In loco è possibile noleggiare asciugamani e servirsi di un pranzo a buffet da pagare separatamente presso la struttura convenzionata (15 JOD)